L’aspetto nutrizionale ricopre un ruolo importante e determinante nella formazione delle piaghe da decubito. Condizioni come diabete mellito, malnutrizione o un insufficiente apporto proteico sono fattori che aumentano il rischio d’insorgenza di piaghe da decubito. D’altra parte, un corretto apporto nutrizionale in pazienti affetti da piaghe da decubito è di centrale importanza nel processo di cura delle lesioni.

Nella valutazione complessiva dello stato del paziente, infatti, il fattore nutrizionale va valutato attentamente per accertarne lo stato di salute. Ed è ancor più rilevante quando si tratta di pazienti anziani e allettati, che vanno incontro a peggioramenti più rapidamente a causa della diminuzione della massa magra con l’avanzare dell’età e, di solito, hanno un apporto proteico insufficiente.

Numerosi studi hanno dimostrato che, nella maggior parte dei casi, un adeguato apporto nutrizionale, ricco di proteine, favorisce e accelera la guarigione delle piaghe da decubito, migliorando anche le condizioni generali del paziente.

Le proteine sono elementi indispensabili per lo svolgimento di importantissime funzioni corporee. Sono costituite dagli amminoacidi che, combinandosi tra loro, formano tutte le proteine necessarie per il corretto funzionamento di tutti gli organi corporei inclusa la pelle: sono essenziali per la produzione di collagene, elastina, cheratina durante la fase di proliferazione di riparazione tissutale.

Tuttavia assumere la giusta dose di proteine può essere particolarmente problematico nei pazienti anziani per ragioni differenti: tra queste vi sono, ad esempio, l’alto costo degli alimenti ricchi di proteine, o le preferenze per alimenti energici o ancora intolleranze di vario tipo. Molti pazienti riscontrano difficoltà nella masticazione o nella deglutizione e quindi ripiegano su alimenti di altro genere; tra le cause di un insufficiente apporto proteico rientrano anche fattori come l’assunzione di farmaci, problemi del cavo orale e altri fattori che magari interferiscono con la preparazione degli alimenti.

Far comprendere al paziente che necessita di un’adeguata assunzione di proteine è fondamentale per una guarigione rapida delle ferite. Uno dei compiti dei medici è quello di indurre i pazienti con piaghe da decubito ad essere flessibili riguardo alla loro dieta, incoraggiandoli al consumo di alimenti che apprezzano, di facile preparazione ed economici.

Consumare quantità maggiori di proteine significa anche prendere in considerazione l’uso di integratori da assumere per via orale, costituiti da aminoacidi essenziali qualitativamente e quantitativamente ben definiti, che possono rappresentare una valida alternativa soprattutto nei soggetti più anziani.

>> LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON PIAGHE DA DECUBITO

I PRODOTTI CONSIGLIATI DA PIAGHE DA DECUBITO

4 pensieri su “La corretta nutrizione come supporto alla cura delle piaghe da decubito

  1. Pingback: La comparsa di febbre nei pazienti con piaghe da decubito

  2. Pingback: Ecco quali sono cause alla base delle piaghe da decubito

  3. Pingback: Quattro consigli strategici per prevenire le piaghe da decubito

  4. Pingback: Valutazione della lesione da decubito (LDD) e del paziente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *