Le medicazioni avanzate a base di miele sono state utilizzate come medicazioni topiche sin dall’antichità per la gestione delle lesioni cutanee, in relazione alle loro proprietà antibatteriche. Con l’avvento dell’antibiotico terapia, tali medicazioni sono state abbandonate per poi essere reintrodotte nella pratica clinica a seguito dello sviluppo di resistenze batteriche. Infatti, a differenza delle medicazioni convenzionalmente utilizzate nel trattamento delle ulcere da decubito e dell’antibiotico terapia, le medicazioni a base di miele ad oggi non sembrerebbero presentare alcun tipo di resistenza batterica.

Il miele è stato utilizzato come medicazione da applicare sulla cute nel corso di migliaia di anni, a partire dalla antica Grecia, Roma, Cina, Korea e con accenni addirittura biblici, ma solo in tempi più recenti è disponibile una spiegazione scientifica per la sua efficacia. Si è ora realizzato che il miele è una medicazione biologica per una serie di attività bioattive che lavorano in concomitanza per accelerare il processo di guarigione.

Quali sono le principali attività della medicazione con miele?

Sbrigliamento (debridement) autolitico

Il miele è una soluzione di zucchero supersatura che contiene circa il 17% di acqua e l’80% di zuccheri, il rimanente composto è un insieme di proteine (tra cui gli enzimi del glucosio ossidasi e catalasi) e circa 18 aminoacidi essenziali e non essenziali. Questo fa sì che per effetto osmotico richiami acqua dalle cellule del letto della lesione.

Medicazioni naturali: il miele come antibatterico

Partendo dal suo effetto osmotico, rimuove l’acqua dal letto della lesione necessaria per la sopravvivenza dei batteri riducendo la loro capacità di riprodursi. Studi in laboratorio lo hanno dimostrato. Ma come funziona su lesioni infette, dove l’essudato richiamato diluisce successivamente l’effetto antimicrobico del miele? Il miele di per sé produce perossido di idrogeno grazie agli enzimi del glucosio ossidasi e catalasi nel momento in cui vengono in contatto con l’essudato, in piccolissime percentuali, ma una medicazione antibatterica ha solitamente una concentrazione del 3% di perossido di idrogeno per una azione antisettica efficace.  Un altro motivo per cui il miele è un antibatterico è il suo pH molto acido (3,2-4,5) e questo inibisce la crescita della maggior parte dei micro-organismi nocivi.

Modulatore delle metalloproteinasi (MMP), antinfiammatorio, antiossidante

Ci colleghiamo al fattore pH acido del miele riflettendo sul dato che una lesione cronica il prolungamento della fase flogistica interferisce con la normale guarigione per uno sbilanciamento tra deposizione di tessuto, stimolato dai fattori di crescita, e distruzione del tessuto mediato dalle MMP che sono degli enzimi prodotti da diverse cellule del tessuto connettivo e secreti nella matrice cellulare. Le MMP sono legate anche al valore di pH del microambiente della ferita, valori di pH alcalino ne favoriscono l’attività, un ambiente acido aumenta il rilascio dell’ossigeno dall’ emoglobina impedendo la loro attività distruttiva. L’azione antinfiammatoria del miele è stata dimostrata su studi di lesioni in animali, dati confermati da osservazioni cliniche su lesioni in umani. La capacità antiossidante del miele di trattare i radicali liberi dell’ossigeno ridurrà l’infiammazione della ferita.

Regolatore del pH

L’attività delle proteasi è estremamente condizionata dal pH. Le proteasi hanno la loro massima capacità catalitica tra pH 7 e pH 8 e decresce rapidamente quando il pH si abbassa. A pH 4 le proteasi sono inattivate irreversibilmente. Il pH delle lesioni è neutro o tende comunque all’alcalinità, mentre il pH della cute integra è acido: pH 5,5. Quando una lesione viene condotta in un ambiente acido, i fibroblasti proliferano più attivamente e il processo di guarigione viene stimolato più di quanto non lo sarebbe in ambiente neutro o alcalino. Il pH estremamente acido del miele aiuta a interrompere la fase di cronicizzazione della lesione favorendo i processi di guarigione di conseguenza.

Tra le medicazioni naturali capaci di accelerare la guarigione 

Correggendo tutti i fattori precedenti la conseguenza principale è proprio il raggiungimento della guarigione della ferita in più breve tempo. Esistono buone evidenze del fatto che il miele abbia anche attività bioattive che stimolano la risposta immunitaria, promuovendo così la crescita dei tessuti per la riparazione delle ferite.

 

SITOGRAFIA

http://www.espertidivulnologia.it/2018/08/14/revamil_miele/

http://www.fnopi.it/ecm/rivista-linfermiere/rivista-linfermiere-page-30-articolo-351.htm

 

BIBLIOGRAFIA

 

– Antignani PL, Allegra C, (2009) The CEAP classification and its evolution. EWMA Journal, 9(1): 19-20, 22, 24-25.

– Bellingeri A (2014) Il prontuario per la gestione delle lesioni cutanee: medicazioni, bendaggi ed ausili antidecubito. Edizione 3. Pavia, Edizioni CdG.

– Caula C, Virani T, Santos J, McConnell H, Schouten J, Lappan-Gracon S, Scott C, Gergolas Kennedy M, Powell K, Evidence based nursing. (2004) Assessment and management of venous leg ulcers (Valutazione e Gestione delle Ulcere Venose all’arto inferiore) [on line] Disponibile da: http://www.evidencebasednursing.it/traduz_RNAO/Ulcere_venose.pdf [consultato il 20 marzo 2014].

– Jull AB, Walker N, Deshpande S, The Cochrane Collaboration (2014) Honey as a topical treatment for wounds [on line] Disponibile da: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD005083.pub3/pdf [consultato il 6 marzo 2014].

– Knight A (2013) The therapeutic effects of honey. The Plymouth Student Scientist, 6(1): 376-385.

– Kwakman PHS, Zaat SAJ (2012) Antibacterial components of honey. Life, 64(1): 48-55.

– Majtan J, Klaudiny J, Bohova J, Kohutova L, Dzurova M, Sediva M, Bartosova M, Majtan V (2012) Methylglyoxal-induced modifications of significant honeybee proteinous components in Manuka honey: possible therapeutic implications. Fitoterapia, 83(4): 671-677.

– Old N (2013) The medicine of the Manuka: an investigation of the usages and methods for utilization of honey derived from the pollen of Leptospermum scoparium in holistic nursing practice. Journal of holistic nursing, 31(3): 200-203.

– Sugama J, Matsui Y, Sanada H, Konya C, Okuwa M, Kitagawa A (2007) A study of the efficiency and convenience of an advanced portable Wound Measurement System (Visitrak). J Clin Nurs., 16(7): 1265-1269.

– http://www.npuap.org/wp-content/uploads/2012/03/push3.pdf.

 

AUTORE: Valeria Pisani

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *