Le skin tears o “lesioni da lacerazione” sono lesioni che vengono definite come ferite causate “da taglio, frizione e/o corpo contundente” con la conseguente separazione di strati di pelle. Una skin tear può essere a spessore parziale, dove si riscontra separazione dell’epidermide dal derma o a spessore intero.

Generalmente, le Skin tears sono frastagliate, hanno una forma irregolare e, nella maggior parte dei casi, sono dolorose e lente a guarire.

Le regioni anatomiche più frequentemente interessate da Skin tears sono le braccia (48%), la parte inferiore delle gambe (40%) e le mani (12%). I possibili fattori eziologici includono trauma da impatto, per esempio a seguito dell’urto contro oggetti (44%), trauma associato ad attività della vita quotidiana (20%) e cadute (12%). Gli anziani, a causa delle caratteristiche della propri cute delicata e impoverita, sono più esposti al rischio di sviluppare lesioni da lacerazione, in conseguenza di patologie critiche o croniche o anche di una manipolazione involontariamente brusca da parte degli operatori che si occupano dell’assistenza dell’anziano.

Quali sono le cause delle skin tears?

Le cause principali delle skin tears sono legate ai cambiamenti fisiologici che si verificano durante l’invecchiamento della cute e la maggior incidenza di cadute e di movimentazioni manuali degli anziani fragili e disabili. Altri fattori di rischio che concorrono all’insorgenza di tali lesioni sono:

  • minor capacità visiva,
  • difficoltà di mobilità o di equilibrio, spostamenti e cadute
  • stato mentale alterato o demenza,
  • farmacoterapia con steroidi o anticoagulanti
  • alimentazione inadeguata
  • uso di dispositivi di assistenza
  • applicazione e rimozione di calze o bracciali compressivi
  • rimozione di cerotti o medicazioni
  • prelievi di sangue
  • protesi
  • utilizzo di detergenti aggressivi per la cute

Le Skin tears sono oggetto di molta attenzione, tanto da spingere alla creazione del gruppo consultivo ad hoc International Skin Tear Advisory Panel (ISTAP) e a sviluppare medicazioni ideali per la gestione delle Skin Tears.

Le medicazioni ideali per la cura delle lesioni da lacerazione

Nella cura delle lacerazioni cutanee, è fondamentale valutare, classificare e scegliere il trattamento più opportuno per la lesione, in modo da evitare complicazioni. E’ quindi fondamentale scegliere la medicazione avanzata più adeguata alla ferita che si sta esaminando.

Le medicazioni per le Skin Tears devono essere in grado di creare un ambiente terapeutico isolato che favorisca una guarigione il più rapidamente possibile. È essenziale scegliere una medicazione che crei un ambiente umido per la guarigione della ferita e vada a sigillare i margini della lesione, in modo da evitare fuoriuscite e ridurre al minimo la skin tears. Al contempo, non bisogna mai dimenticare di rispettare la fragilità della cute circostante. Si raccomanda l’uso di medicazioni che trattengano l’umidità, disponibili in varie forme, dimensioni e materiali, tra cui rete, medicazioni in silicone, medicazioni in schiuma, idrogel, medicazioni in alginato e medicazioni in idrofibra. Al fine di prevenire qualsiasi strappo della cute, è opportuno evitare medicazioni dotate di adesivi aggressivi.

Per maggiori informazioni consulta il sito Molnlycke.

BIBLIOGRAFIA

LeBlanc K, Baranoski S & Skin Tear Consensus Panel Members. Skin tears: state of science: consensus statements for the prevention, prediction, assessment, and treatment of skin tear. Adv Skin Wound Care 2011; 24 (9 Suppl): 2-15.

LeBlanc K, Christensen D, Cook J, Culhane B, Gutierez O. Prevalence of skin tears in a long-term care facility. J Wound Ostomy Continence Nurs 2013c; 40: 580-584 Canada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.