In questa sezione potrai trovare risposta a tutte le domande riguardanti le piaghe da decubito, il loro trattamento, come prevenirle e diversi consigli utili sulla loro gestione.

Perché si creano le piaghe da decubito?

La piaga da decubito si forma quando il tessuto interessato resta per troppo tempo poco nutrito. Questo succede perché si verifica un’eccessiva pressione sui tessuti che altera la normale irrorazione del sangue.

Quali sono le zone più colpite dalle piaghe da decubito?

Le zone più colpite da piaga da decubito sono quelle dove ci sono delle prominenze ossee che insieme alla pressione continua, causata dalla posizione costante, provocano un’ischemia dei tessuti. Precisato ciò  le zone più colpite da lesioni da decubito sono la regione sacrale, il tallone, la regione ischiatica, la zona dei grandi trocanteri e i malleoli laterali. Queste zone possono essere più o meno colpite a seconda della posizione assunta.

Esistono dei rimedi naturali per le piaghe da decubito?

Si, le piaghe da decubito possono essere curate anche con l’aiuto di ingredienti naturali. Tra i più utilizzati c’è l’Oleolito d’Iperico, un olio ottenuto dai fiori freschi di Hypericum perforatum. È un ingrediente molto apprezzato grazie ai suoi benefici sulla pelle ferita o irritata.  Per saperne di più clicca qui.

Un altro ingrediente molto utilizzato è il miele, capace di accelerare il processo di guarigione ed utilizzato in diverse medicazioni.

Come è possibile riconoscere una ferita infetta?

Riconoscere in tempo un’infezione è di fondamentale importanza nel processo di guarigione, ma come fare? Prestare la massima attenzione ai segnali che ci dà il corpo, come il cambiamento di colore, il maleodore, la comparsa di chiazze scure e aumento della temperatura cutanea locale. Per approfondire l’argomento clicca qui.

Come trattare una lesione infetta?

Nella scelta della giusta terapia per curare una ferita infetta è necessario prendere in considerazione l’aspetto clinico della lesione, le caratteristiche della medicazione e l’efficacia dell’agente microbico. La giusta medicazione deve essere in grado di mantenere un ambiente umido, assorbire l’eccesso di essudato, fornire isolamento termico e protezione batterica, permettere scambio gassoso e liquido, mitigare il cattivo odore e rimanere integra. per approfondire clicca qui.

La pressione arteriosa influisce sulla formazione delle piaghe da decubito?

Si, la pressione arteriosa gioca un ruolo fondamentale nella formazione delle piaghe da decubito. Per scoprire quale ruolo gioca in questa patologia approfondisci leggendo questo articolo.

Esistono dei sistemi per prevenire le piaghe da decubito?

Prevenire le piaghe da decubito è possibile, basta mettere in pratica alcuni accorgimenti. Il migliore di questi è senza ombra di dubbio il cambio di posizione ogni due ore, al fine di eliminare la pressione costante su uno stesso punto. Scopri gli altri rimedi per un’ottima prevenzione

Come gestire un paziente affetto da piaghe da decubito?

Considerando che le piaghe da decubito si formano a causa di una pressione costante su un’area del corpo e che questa situazione compromette la microcircolazione è possibile gestirle utilizzando dei presidi antidecubito. Scopri quali sono le migliori soluzioni.

Cosa sono le medicazioni a base di alginati?

Le medicazioni a base di alginati sono dei prodotti a base alghe brune, molto utilizzate nella cura delle piaghe da decubito. Scopri il loro utilizzo e la loro efficacia.

Cosa sono le medicazioni idrocolloidi e quando vanno utilizzate?

Le medicazioni idrocolloidi hanno la capacità di creare un ambiente umido e di assorbire una quantità di essudato. Sono disponibili sia in placche che in pasta e favoriscono la crescita di tessuto di granulazione e quindi la guarigione. Per approfondire la loro efficacia clicca qui.

Qual è il ruolo dell’ossigeno nella guarigione delle piaghe da decubito?

L’ossigeno ha un ruolo fondamentale nel trattamento delle piaghe da decubito perché favorisce l’angiogenesi, la sintesi del collagene, la riepitelializzazione e la resistenza alle infezioni. Per scoprire di più sul ruolo dell’ossigeno clicca qui.

Come gestire il cattivo odore nelle piaghe da decubito?

Il cattivo odore generato dalle piaghe da decubito è generato dai batteri, nascosti nell’essudato e nel tessuto necrotico. Gestire questa situazione spiacevole è fondamentale tanto per il paziente quanto per chi deve prendersi cura di lui. Uno dei rimedi più efficaci è il carbone attivo che riesce ad assorbire i batteri e le tossine della ferita. Scopri qual è il ruolo del carbone nella gestione del cattivo odore.

Che cos’è la terapia a pressione negativa?

La terapia a pressione negativa è un trattamento al quale è possibile ricorrere quando la lesione da decubito non dà segni significativi di guarigione. Con questo procedimento si applica, in corrispondenza della ferita, una pressione sub atmosferica che tramite un tubo per il drenaggio aspira fluidi e sostanze di scarto. Scopri quando è possibile utilizzarla.

L’argento ha un ruolo nella cura delle lesioni da decubito?

L’argento ha un ruolo molto importante nella cura delle lesioni da decubito grazie alla sua capacità di prevenire o curare le infezioni. Può essere utilizzato sia sotto forma di pomata che come unguento.Tutto quello che c’è da sapere sul ruolo dell’argento nelle ferite da decubito lo trovi qui.

È possibile gestire il dolore causato dalle ulcere da decubito?

Prima di scoprire se è possibile gestire il dolore quando si è affetti da ulcere da decubito, è necessario capirne l’origine. Il dolore può essere provocato dalla causa dell’allettamento, dalla ferita da decubito o anche dal cambio della medicazione. A seconda della causa è possibile adottare misure riabilitative idonee o utilizzare medicazioni che non tocchino il fondo dell’ulcera. Per approfondire clicca qui.

Quali sono i benefici delle medicazioni a contenuto salino?

Questo tipo di medicazione è in grado di ridurre la carica batterica, favorisce la guarigione ed è facile da applicare. Prima di usarla è necessario pulire la ferita e farla asciugare. Scopri tutti gli approfondimenti sulle medicazioni a contenuto salino.

Come scegliere la medicazione giusta per le lesioni da decubito?

La scelta della medicazione deve essere fatta tenendo conto delle caratteristiche del tessuto presente nella lesione e della quantità di essudato. Esistono, inoltre, una serie di altre condizioni da prendere in considerazione e da non sottovalutare. Scopri di più.

La febbre è un sintomo delle piaghe da decubito?

Si, può esserlo. È molto frequente soprattutto quando ci sono delle lesioni infette, che presentano un’eccessiva quantità di batteri. Scopri la giusta cura per combatterla.

Ogni quanto tempo è necessario riposizionare il paziente?

Il tempo medio per riposizionare il paziente e prevenire la formazione delle piaghe da decubito è di 2 ore. Ad influire su questa tempistica concorrono, però, una serie di fattori quali le condizioni mediche generali del paziente, le condizioni della cute, il comfort, il livello di mobilità e la tolleranza dei tessuti. Se desideri approfondire questo argomento clicca qui.

Quanto è importante la detersione nella gestione delle piaghe da decubito?

La detersione è un momento di fondamentale importanza nella gestione delle piaghe da decubito poiché prepara la ferita alla guarigione. Con la detersione si deve eliminare tutto ciò che ostacola la guarigione quindi germi, essudato, residui di medicazioni precedenti e materiale poco aderente che potrebbe depositarsi sul fondo della ferita. Scopri la guida completa per un’ottima detersione.

Cosa sono le medicazioni bioattive?

Sono delle medicazioni avanzate, perfette nel trattamento delle ferite da decubito. Interagiscono alla perfezione con l’ambiente dell’ulcera e stimolano la guarigione. Inoltre sono in grado di mantenere l’ambiente umido e favoriscono il processo di riparazione, stimolando la proliferazione delle cellule. Approfondisci l’argomento.

Che cos’è il debridement?

Il debridement (sbrigliamento) è una sorta di pulizia che permette di liberare la ferita da tutto ciò che è nocivo, al fine di favorire la guarigione. Se vuoi saperne qualcosa di più leggi questo articolo di approfondimento.

Che cos’è il piede diabetico?

Il piede diabetico è una complicanza del diabete. L’innalzamento della glicemia causa una modifica dei nervi (neuropatia diabetica) e dei vasi sanguigni (arteriopatia diabetica) e ciò compromette sia la struttura che la funzione del piede, favorendo la formazione di ulcere. Per una risposta più approfondita clicca qui.

Cosa evitare in caso di piaghe da decubito?

Evitare assolutamente l’uso di detergenti sgrassanti o soluzioni alcoliche, talco e altre polveri, frizioni, massaggi, tele cerate, biancheria sintetica, indumenti elastici, indumenti o lenzuola umide o bagnate.

Quanto conta l’alimentazione quando si parla di lesioni da decubito?

L’alimentazione è fondamentale quando si parla di piaghe da decubito. Condizioni quali il diabete, la malnutrizione o uno scarso apporto proteico aumentano il rischio che si formino lesioni da decubito e rallentano la guarigione in pazienti che ne sono già affetti. Scopri qual è il giusto tipo di alimentazione.

Quali sono i sintomi principali delle piaghe da decubito?

I sintomi più comuni nelle piaghe da decubito sono il dolore e il prurito. Ad ogni modo è necessario fare una distinzione in base agli stadi della ferita. Al primo stadio la pelle è rossa ma non presenta ferite; nel secondo la ferita è rossa e poco profonda; al terzo la piaga è profonda e i muscoli e le ossa sono esposte; al quarto non c’è cute ma muscoli, tendini e ossa in vista. Per approfondire maggiormente clicca qui.

Qual è la scarpa giusta per il piede diabetico?

La scarpa giusta per il piede diabetico è quella che protegge contro i traumi, le temperature estreme e la contaminazione. È importante in questi casi che le scarpe siano davvero comode e si evitino dolori e callosità. Inoltre le scarpe giuste per il piede diabetico sono quelle che non comprimono le dita e non sono né strette né larghe. Devono essere morbide e possibilmente la tomaia deve essere naturale, affinché lasci passare l’ossigeno. Per approfondire questo argomento basta cliccare qui.

La ferita di una piaga da decubito ha bisogno di essere asciutta o umida?

Per favorire la guarigione di una ferita da piaga da decubito si deve innanzitutto rispettare l’ambiente dove il processo di riparazione deve avvenire. Per questo motivo è necessario evitare cambiamenti di umidità, pH e temperatura. Bisogna tenere in considerazione l’ossigeno, l’umidità, la temperatura, la riparazione e l’equilibrio.
L’ossigeno è necessario alle cellule epiteliali per muoversi e riprodursi; l’umidità favorisce un ambiente sano; la temperatura influisce sulla riparazione tissutale ed è di 37° quella ottimale; per favorire la riparazione tessutale è necessario evitare movimenti che possano smuovere le cellule epiteliali, inizialmente facilmente removibili; l’equilibrio del pH deve essere costante perché ogni sua alterazione potrebbe allungare il processo ripartivo.

Se si soffre di lesioni da decubito bisogna prestare particolare attenzione all’abbigliamento?

Quando si soffre di questo tipo di patologia è importante che i vestiti e l’intimo siano realizzati con materiali naturali e non presentino grinze o pieghe. Sono sconsigliati i vestiti stretti, gli oggetti rigidi nelle tasche, le spille e le cinture. In particolare i pantaloni non devono avere bottoni sporgenti o cuciture che potrebbero creare attrito.

CONTATTACI