Indice: Come gestire il dolore causato da piaghe dalle piaghe da decubito

Nei pazienti affetti da piaghe da decubito il dolore rappresenta un problema da non sottovalutare mai, sia per una corretta gestione del protocollo di guarigione sia perché questo tipo di dolore può essere molto forte.

Pertanto occorre valutare insieme al paziente i diversi aspetti legati al dolore. In questo processo il ruolo dell’operatore è fondamentale. Spesso infatti il paziente con piaghe da decubito è un soggetto anziano, e potrebbe avere capacità relazionali basse. È compito dell’operatore affidarsi alle sue capacità per comprendere al meglio la descrizione del dolore che il paziente fornisce.

Per facilitare il compito, vengono utilizzati dei parametri qualitativi, che devono essere misurabili in base alle informazioni riferite dal paziente, che dovrà riferire l’intensità del dolore che prova in una scala da 0 a 10 e il sollievo dal dolore (sempre in una scala da 0 a 10) che rifletta l’entità del dolore rispetto a un momento precedente.

L’origine del dolore nelle piaghe da decubito

Nel caso in cui i test avessero esito positivo, occorre individuare l’origine  del dolore, ovvero la causa che lo scatena. Uno dei maggiori rischi? Il paziente potrebbe non essere in grado di riferirlo e/o contestualizzarlo.

In presenza di piaghe da decubito, il paziente può avvertire dolore poiché è costretto a letto sulla lesione. In casi come questo, cioè nei quali il dolore è essenzialmente dovuto all’allettamento del paziente, si può lavorare per ridurre la sintomatologia dolorosa attraverso l’adozione di misure riabilitative idonee e studiate ad hoc, che mirano a far cambiare spesso posizione al paziente, riducendo in tal modo la pressione sulla lesione.

Tuttavia il dolore spesso si manifesta anche durante il cambio della medicazione. In questo caso occorre evitare di adoperare medicazioni tradizionali che aderiscano al fondo della lesione, provocando dolore durante la rimozione. È indispensabile e auspicabile, di contro, rivolgersi a medicazioni avanzate, che non aderiscano al fondo e/o siano predisposte al rilascio di agenti farmacologici per ridurre il dolore della lesioni.

Qual è l’intensità del dolore da piaghe da decubito?

L’importanza di questa domanda è cruciale poiché permette di quantificare la gravità del dolore e l’efficacia delle successive terapie. A tale scopo si ricorre a degli strumenti di misurazione che possano permettere una valutazione generale del fenomeno. Esistono delle scale di misurazione che possono essere somministrate dall’operatore al paziente.

Il trattamento del dolore

Gli operatori sanitari e tutti coloro che si interessano di piaghe da decubito sono concordi nell’affermare che al dolore di dà troppa poca importanza e che troppe persone ne soffrono inutilmente. Da alcune valutazioni è emerso che i pazienti in ospedale soffrono frequentemente di dolore e solo il 40% di loro viene trattato in modo soddisfacente. La situazione si complica nel caso in cui i pazienti non possano esplicitare la loro sofferenza (bambini o cerebropatici).

L’opinione sbagliata, radicata negli ospedali, è che il dolore sia inevitabile. Non è mai esistita una prassi nel trattamento del dolore eppure qualcosa di deve fare. Grazie alle metodologie moderne è possibile avere dei risultati positivi e ridurre drasticamente la percentuali di pazienti sofferenti. Il dolore, qualsiasi sia la sua origine, va valutato e trattato correttamente.

I PRODOTTI CONSIGLIATI DA PIAGHE DA DECUBITO

Un pensiero su “Come gestire il dolore causato da piaghe da decubito

  1. Pingback: La valutazione delle lesioni cutanee croniche e la loro guarigione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *