L’ulcera in fase di riepitelizzazione è caratterizzata dalla presenza di neo-epitelio, ovvero la lesione si ricopre di nuovo tessuto sano che provvede alla chiusura della lesione stessa.

Questa fase è molto importante nel processo di guarigione delle piaghe da decubito perchè i capillari si riducono, aumentano le fibre collagene che danno struttura al nuovo tessuto e il tessuto di granulazione (tessuto rosso e lucido con la caratteristica conformazione “a bottoncini”) si trasforma in tessuto cicatriziale.

Il tessuto neoformato prolifera per scorrimento dai bordi della lesione fino a ricoprire l’intera superficie della lesione da decubito.

L’ulcera in fase di riepitelizzazione ha il caratteristico colore rosa .In questa fase è infatti possibile osservare aree di riepitelizzazione di colore rosa traslucido al di sopra del tessuto di granulazione, costituite da cellule epiteliali migranti dai bordi dell’ulcera che avanzano in modo concentrico fino ad unirsi. Il neo epitelio può anche svilupparsi sotto forma di isole all’interno della superficie della lesione.

La detersione dell’ulcera in fase di riepitelizzazione

Qualsiasi tipo di lesione deve essere detersa prima di procedere con qualsiasi trattamento. La detersione infatti permette la rimozione dei detriti e dei residui della medicazione precedente. La soluzione fisiologica è l’ideale per detergere, irrigare e idratare la cute a rischio di lesioni da pressione.

La fase di medicazione della cute

Per le lesioni da pressione in fase di riepitelizzazione vengono impiegate diverse tipologie di medicazioni avanzate in base alle caratteristiche della cute perilesionale e alla localizzazione della lesione.

Le medicazioni in poliuretano

Le medicazioni in poliuretano vengono utilizzate per utilizzare gli effetti benefici della guarigione in ambiente umido. Tali medicazioni sono idroselettive e perciò garantiscono la permanenza dei fattori di crescita e delle proteine endogene, essenziali nel processo di guarigione, a contatto con la lesione.

Viene consigliato di cambiare la medicazione ogni 2-3 giorni.

 

Le medicazioni in idrocolloidi

Queste medicazioni vengono utilizzate in presenza di una cute perilesionale sana poichè, essendo adesive, potrebbero danneggiare una cute circostante la zona a rischio troppo fragile.

Le medicazioni idrocolloidali proteggono la pelle dallo stiramento e dall’attrito con la superficie creando una barriera fisica che, contestualmente, mantiene idratata la cute sottostante.

Viene consigliato di cambiare la medicazione ogni 2-3 giorni.

Spray protettivi

Gli spray protettivi sono medicazioni avanzate che, grazie alla loro particolare formulazione, formano una barriera protettiva contro l’ambiente esterno creando le condizioni favorevoli per una rapida e corretta azione riepitelizzante della cute.

Gli spray protettivi devono essere applicati quotidianamente.

Lo scopo comune di tutti questi prodotti è da un lato quello di accelerare il processo di riepitelizzazione della cute e dall’altro quello di proteggere il tessuto neoformato.

 

 

Fai il Test di Diagnosi della Lesione e ottieni: la diagnosi della tua lesione, il protocollo di cura dettagliato con le indicazioni della frequenza di cambio delle medicazioni. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.