Biatain Contact è una medicazione di contatto protettiva, trasparente, sottile, composta da un morbido strato adesivo di contatto in silicone e da uno strato in poliuretano.

Biatain Contact può essere utilizzato su un’ampia gamma di ferite acute e croniche, dolorose e non, quali: abrasioni, ferite chirurgiche e complicanze (es. deiscenze, cicatrici ipertrofiche, cheloidi), ustioni a spessore parziale, ferite traumatiche (es. lacerazioni cutanee e abrasioni), vescicole, lacerazioni, graft a spessore parziale e totale, ulcere del piede diabetico, ulcere degli arti inferiori, siti donatori, lesioni da radioterapia e sotto pressione topica negativa. Può essere, inoltre, utilizzata come medicazione protettiva su cute fragile e ferite non essudanti.

Come funziona Biatain Contact?

Permette un trasferimento dell’essudato ottimale:

  • riduce il rischio di accumulo di essudato sul letto di lesione e macerazione
  • Il diametro dei fori evita la crescita anormale di tessuto di granulazione

Facilita la valutazione della lesione grazie ad una maggiore trasparenza:

  • è trasparente, per ispezionare la lesione senza rimuovere il prodotto
  • processo di guarigione della lesione indisturbato
  • maggior permanenza in situ

Strato di contatto in gel di silicone che ne permette l’aderenza selettiva:

  • protegge il letto di lesione e la cute perilesionale grazie all’aderenza selettiva
  • l’adesione su un singolo lato permette un’applicazione agevole ed una sostituzione della sola medicazione secondaria
  • atraumatica: riduce dolore e traumi al cambio di medicazione
  • l’aderenza selettiva evita la diffusione laterale dell’essudato

Caso clinico

Di seguito viene riportato un caso clinico di una paziente con una lesione cronica dell’arto inferiore.

INFORMAZIONI SUL PAZIENTE:
• Età: 90
• Sesso: Femmina
• Anamnesi: Diabete mellito tipo 2, ipertesa, insufficienza venosa, operata di frattura al femore nel 2019.

INFORMAZIONI SULLA FERITA:
• Dimensione della ferita: Lunghezza: 50 mm Larghezza: 20 mm Profondità: 10 mm

TRATTAMENTO:
• Frequenza delle medicazioni una volta a settimana
• Presenza di fibrina sul fondo della lesione
• Arrotolamento dei bordi, cute perilesionale secca con ipercheratosi estesa su quasi tutto l’arto
• Arto edematoso
• Essudato moderato: si sospetta che la lesione sia contaminata.

RISULTATI:

         

04/04/2021                                               07/04/2021

                               

11/04/2021                                                     15/05/2021

 

Dopo la quarta medicazione, la lesione si presenta migliorata con riduzione della carica microbica, riduzione dell’ipercheratosi e assenza di dolore da parte della paziente al rinnovo della medicazione.
A distanza di circa due mesi dalla presa in carico la lesione appare migliorata, l’arto si presenta idratato e non più edematoso e la paziente non ha più dolore.
Si applica calza a compressione graduata 18-22 mmHg come da prescrizione del medico vascolare.
Si continua con medicazione non aderente e idratazione dell’arto.

CONCLUSIONI:

Biatain Contact ha evitato l’adesione della benda con PHMB e preservato il neo-epitelio fino a guarigione della lesione.

*Immagini e dati tratti dal sito Coloplast.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.