Le calze compressive sono presidi indicati per prevenzione e cura della cattiva circolazione in genere fino ad arrivare al trattamento delle ulcere venose.

Le calze a compressione graduata sono dispositivi medici che assicurano sulle gambe una compressione decrescente dal basso verso l’alto. Questa differenza di pressione esercitata sui vari segmenti ha l’obiettivo di stimolare la circolazione venosa e quindi prevenire la comparsa di gonfiore e formicolio, sintomi tipici dell’insufficienza venosa.

Classificazione delle calze compressive

Le calze compressive vengono classificate in base alle indicazioni terapeutiche e al grado di compressione. Vengono quindi distinte in:

  • Calze terapeutiche: indicate nel trattamento conservativo delle malattie venose. Tra queste distinguiamo le Calze antitrombo, indicate per la prevenzione della trombosi durante periodi di immobilità soprattutto post intervento chirurgico e le Calze antiulcera, usate sottoforma di gambaletti, che aiutano a mantenere la pelle intatta evitando l’insorgere di ulcere venose. La terapia compressiva è una parte importante del trattamento dell’ulcera venosa della gamba dopo la fase iniziale di decongestione dell’edema venoso. Inoltre, le calze anti ulcera, contribuisce a tenere in posizione le medicazioni avanzate utilizzate per la terapia delle ulcere vascolari.
  • Calze preventive: indicate per prevenire lo sviluppo delle malattie venose

calze compressive preventive

Per quanto riguarda il grado di compressione (sempre decrescente dalla caviglia alla coscia) invece:

  • leggera (classe I, 18-21 mmHg);
  • moderata (classe II, 23-32 mmHg);
  • forte (classe III, 34-46 mmHg);
  • molto forte (classe IV, ≥ 49 mmHg).

Come indossare le calze a compressione graduata

Il primo suggerimento per indossare facilmente le calze compressive è farlo al mattino quando si è sdraiati a letto. In questo momento della giornata infatti, le gambe sono meno gonfie in quanto la gravità non ha esercitato la sua forza attirando il sangue e i liquidi verso il basso.

Se è stata spalmata una crema sulle gambe prima di indossare le calze a compressione graduata, assicurarsi che questa sia completamente assorbita o utilizzare del talco per agevolare lo scorrimento delle calze sulla pelle.

Non arrotolare le calze compressive come calze normali prima di infilarle. E’ utile piuttosto girarle a rovescio, per metà o completamente. In caso di calza a punta aperta, potrebbe essere necessario tenere ferma la parte inferiore mentre la calza viene tirata su. La calza deve essere dritta e il tallone deve trovarsi nel punto giusto. 

Bisogna far attenzione alla presenza di pieghe che possono generare una pressione eccessiva sulla cute e inficiare il beneficio delle calze, è consigliato perciò lisciare le grinze dal basso verso l’alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.